50 e 50 (2011)

Ciao a voi miei cari lettori 🙂 Oggi ho pensato di proporre questa pellicola un po’ più seria, ma non troppo… così da permettere a tutti di poterla guardare col cuore più leggero. Difficile approcciarsi alla tematica affrontata, ma il regista Jonathan Levine c’è riuscito molto bene, con la splendida partecipazione di Joseph Gordon-Levitt che è stato davvero bravo nel suo ruolo (Inception, 500 giorni insieme), Seth Rogen (Molto incinta), Anna Kendrick (Twilight), Anjelica Huston (La famiglia Addams, L’onore dei Prizzi) e Bryce Dallas Howard (Jurassic World). Iniziamo!

TRAMA

La storia narra di Adam, ragazzo 27enne che lavora come giornalista per un canale radio, vive una vita salutare e tranquilla. Convive con la sua ragazza Rachael con cui ha un rapporto sobrio ed il migliore amico Kyle è anche suo collega di lavoro in radio. Un giorno Adam si reca dal medico per avere l’esito di alcune visite di controllo in merito a diversi dolori alla schiena. All’improvviso viene colpito dall’inaspettata notizia di essere malato di cancro. Inizia così la sua nuova vita…

50e50bis

CONSIDERAZIONI PERSONALI

All’inizio se non si ha letto la trama e non ci si è fermati troppo a guardare la locandina, non è chiaro che quello in questione è anche un film drammatico. Anche per la scelta degli attori che in genere interpretano ruoli in film più leggeri, ma dopo pochi minuti arriva il fulcro del film ed è una sorpresa.

Non è il classico film drammatico che ti porterebbe a compatire il protagonista per il suo tumore, questo secondo me è il principale motivo per cui merita davvero di essere visto. Adam è affiancato sempre dal caro Kyle decisamente burlone, esuberante e sincero nell’approcciarsi alla malattia dell’amico.

5050_lui e lui

Adam vive varie fasi di questo periodo della sua vita e non nelle migliori circostanze, visto come si comporta la sua ragazza, data l’apprensione della madre, l’inesperienza della sua psicoterapeuta e l’apparente distacco emotivo dell’amico. Nonostante ciò riesce a superare ogni momento difficile tenendo fede alla calma dentro di se’, soffocando il suo immenso dolore e la paura dell’ignoto. Il protagonista riesce a mantenere questa precaria quiete fino a quando non esplode in un gesto di “follia” per non riuscire più a contenere il mare di emozioni che lo tormentano.

Mi piacciono le reazioni di Kyle, ho apprezzato molto il suo personaggio che secondo me ha avuto un ruolo fondamentale nella trama, a differenza della storia d’amore che nasce con la psicoterapeuta Katherine. Quest’ultima era prevedibile e non indispensabile a mio parere, poteva succedere qualcos’altro che portasse alla stessa conclusione senza essere banale.

luielei

Stupendi i molteplici primi piani, specie su Adam che ci trasmette completamente il suo stato d’animo e i soundtracks di Michael Giacchino (Inside out, Up) impeccabili ed avvolgenti. Il messaggio finale della copertina del film rimane “All we need is love” e probabilmente è vero. Un film ricco di emozioni, nella giusta misura risate e qualche lacrima… Spero l’articolo vi sia piaciuto, vi auguro una buona visione e non mancate a commentare 😉

Annunci

Una risposta a “50 e 50 (2011)

Dicci la tua!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...