L’attimo fuggente (1989)

Buona sera! 🙂 Il film scelto quest’oggi penso di averlo visto un’infinità di volte… dovuto anche al fatto che papà non si ricordava mai di averlo già visto e con mamma ci divertivamo a rivederlo per poi prendere un po’ in giro papi 🙂 Ho scelto questo film anche perché di recente ho visto il trailer di un nuovo film intitolato “Giovani ribelli” (di cui vi lascio il link) che uscirà nelle sale il 17/10.  E’ stato definito il nuovo “Attimo fuggente”, perciò perché non raccontare prima la storia da cui hanno preso spunto? 🙂

Trailer Ufficiale “Giovani ribelli”: http://www.youtube.com/watch?v=k1WnTAiWWGM

TRAMA

L’attimo fuggente narra la storia di un gruppo di studenti americani che decidono di riportare in vita una sorta di confraternita chiamata “Setta dei Poeti Estinti” ispirandosi alla passione per la poesia del loro nuovo docente di Lettere, il quale da giovane ne faceva parte a sua volta. Il professor Keating ha un metodo d’insegnamento che punta a valorizzare ciò che gli studenti pensano e provano, incentivandoli a dar voce alle loro idee, poiché la letteratura è un forte mezzo per l’espressione di loro stessi e di ciò che ritengono importante. Questa sorta di progressismo all’interno della tradizionale accademia, rigorosamente maschile, non è vista di buon occhio dal preside ed il corpo insegnanti. Keating dovrà così tenerne conto come del fatto che i ragazzi stanno iniziando a scegliere della propria vita, anche grazie a lui.

CONSIDERAZIONI PERSONALI

La fama di questo film è racchiusa nella citazione latina “Carpe diem”, pronunciata da Keating nell’intento di incentivare i ragazzi a vivere la loro vita come se non ci fosse un domani e attorno alla quale girano la maggior parte degli eventi. Magnifica l’interpretazione di Robin Williams nel ruolo di docente, il quale stimolerà i ragazzi anche a rivolgersi a lui come fosse il loro capitano, facendo riferimento al poeta Walt Whitman .

L’ho apprezzato per l’importanza che dà alla singola persona e al suo pensiero, invitando l’uomo a rivalutarsi e ad emergere. Assolutamente piacevole il linguaggio che viene usato, dove le parole vengono accuratamente pesate in modo da creare delle sensazioni quasi tangibili all’interno della pellicola. E’ di grande ispirazione, invitando a riprendere in mano ed approfondire parti della cultura generale o dell’espressione artistica spesso lasciate nel dimenticatoio o a cui abbiamo attribuito una connotazione negativa.

Ad esempio io non ho mai trovato un professore o una persona in generale che mi abbia dato da pensare che la Fisica fosse una bella materia, non dico facile, ma quantomeno interessante..!

Mi è piaciuto che il gruppo di ragazzi fosse così ben assortito di personalità, tutti diversi tra loro si sono però trovati uniti in questa gioia travolgente di vivere con pienezza i loro giorni, sempre come fossero gli ultimi.

Davvero un film da guardare, specie per sentire la profondità dei dialoghi.. auguro a tutti una buona visione 🙂

Annunci

13 risposte a “L’attimo fuggente (1989)

  1. Concordo con te. Io ho avuto un professore matto di Musica, che ci faceva ridere a crepapelle e facevamo un sacco di casino ma allo stesso tempo socializzazione. Tutti gli altri prof: dimenticati!!!!!

    Mi piace

    • Anche dal mio, credimi. Per qualche minuto mi fa pensare che ci sia ancora posto per la passione e l’arte nel mondo… pubblicherò presto un altro film che sento strettamente legato a questo. Forse hai già capito… spero ti piacerà altrettanto 😉

      Mi piace

  2. Commento ancora, poi taccio, sennò esagero, mi piace troppo il tuo blog, ora che ho avuto il tempo per leggere bene. Mi è capitato un episodio, proprio legato al film: non lo avevo ancora visto e, durante uno stage su tecniche di spettacolo, un ragazzo continuava a dirmi “O capitano, mio capitano!” e io non capivo. Una volta visto il tutto sono rimasto piuttosto di sasso. Molto bello, molto toccante e con un po’ di amaro in bocca alla fine. Robin Williams credo sia uno dei migliori attori americani di sempre. Ancora complimenti per il blog.

    Mi piace

    • Mi piace quando mi vengono raccontate queste vicende! Immagino la tua sorpresa alla scoperta di cosa si celava dietro a quella frase così semplice. Anche a me ha lasciato l’amaro in bocca alla fine, avrei voluto che la verità trionfasse, ma questo film è anche testimone del fatto che troppe volte non è così.
      Anche io sono una patita di Robin Williams, penso di non aver mai visto un film brutto con lui come protagonista.
      Grazie infinite per i complimenti, non sai quanto lo apprezzo! Non farti il minimo scrupolo a commentare, mi fa solo piacere 🙂

      Mi piace

Dicci la tua!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...